Impepata di Cozze con pomodoro

Un piatto che amo moltissimo, un frutto mediterraneo povero di calorie e ricco di sapore, perfetto come antipasto, piatto unico, ideale per arricchire primi e secondi.

Un frutto ricco di proprietà ed allo stesso tempo facile ricettacolo di batteri e virus, ecco perchè è sempre importane lavare bene e cuocere le cozze.

Oggi vi propongo una ricetta veloce e gustosa allo stesso tempo, una buona variante alla classica Impepata di Cozze in bianco.

Impepata di cozze

Impepata di cozze con pomodoro

(altro…)

Lumache di mare aglio ed olio

Sono parecchio assente,lo so e mi scuso.
Me ne rendo conto grazie ai vostri messaggi su FB e mail,in cui mi chiedete se tutto e’ok…
Va tutto benissimo,sono solo molto presa dai preparativi per la comunione del piccolo che, il matrimonio di mio fratello e la fine della scuola dei miei piccoli.
Tempo poco,mille cose da fare,e quando posso dedicare 5 minuti al mio blog non ho la forza ne la socialità necessaria!!!
Oggi una ricetta da leccarsi le dita,nel vero senso della parola: Lumache di mare aglio ed olio.

Queste lumache potete trovarle facilmente nei vivai,rappresentano un ottimo antipasto,sono di quei piatti che mangeesti a chilate perchè non bastano mai.


Ingredienti per 2 persone:
500 g di Lumache di mare
un mazzetto di prezzemolo
1 spicchio d’aglio
pepe a piacere
olio evo


Preparazione
-Veloci e semplici da realizzare,le lumache vanno dapprima lavate pe bene e quindi tenete in ammollo per un paio d’ore in acqua fredda,cosi eliminano le impurità.
-Schiacciamo lo spicchio d’aglio,facciamolo rosolare in una pentola con olio.
-Uniamo le lumache,una spolverata di pepe e prezzemolo tritato.
-La cottura e’di circa 20 minuti,ci rendiamo conto che sono pronte perche’spuntano le “codine”delle lumache dai gusci.

Armiamoci di stuzzicadenti,pane e …buon appetito!!


Mirtill@

Frittelle alla birra di Zucchina Serpente

Qui a Palermo esiste una zucchina particolare, verde chiara e dalle grandi dimensioni,e questa caratteristica le da infatti il nome di zucchina serpente.
Buonissima preparata secondo ricette tipiche,in zuppa o in umido con le patate.
Stavolta ve la propongo in versione più golosa,anche appetitosa dire..

Frittelle alla birra di Zucchina Serpente



Ingredienti:
1/2 zucchina serpente,solitamente la parte più sottile
100 g di farina 00
100 ml di birra
sale e pepe q.b
1 cubetto di Magie d’aromi della Knorr
olio di semi


Procedimento:
-Laviamo la zucchina,eliminiamo la buccia esterna e tagliamola a rondelle.
-Prepariamo la classica pastella con farina,sale e pepe,birra ed aggiungiamo un cubetto sbriciolato di Magia d’Aromi della Knorr,ideale per sostituire aglio,cipolla o prezzemolo tritati che possono dare tanto sapore quanto fastidio nel gustare una pastella che può diventare grumosa,specie per i bambini.
-Immergiamo le zucchine nella pastella e friggiamole in abbondante e caldo olio di semi.

Un piacevole contorno o appetizer adatto a grandi e piccini.
Vassoio rosa Poloplast


Mirtill@

Torta salata di tramezzini

Senza categoria | 16 aprile 2015 | By

Amo molto i tramezzini, sono versatili e si possono farcire in mille modi,sempre morbidissimi anche se tostati, rendono al meglio sia come preparazioni dolci che salate.
Quella che voglio proporvi oggi è una rivisitazione della classica torta,realizzata appunto con pane tramezzino,farcita a piacere e ricoperta con mascarpone.
Diamo libero sfogo alla fantasia realizzando fiori con salumi e verdure,creiamo un piccolo prato fiorito utilizzando della farina di pistacchio.

Torta salata di tramezzini

Qui trovate il link della preparazione per la torta di tramezzini
Ricetta che realizzo spesso,per un buffet romantico, per presentare un antipasto davvero originale,per spegnere le candeline senza aspettare il dolce,perchè no.

Buon appetito,Mirtill@

Tra pesci d’aprile e Tortano alla Napoletana

Oggi è il 1 Aprile, il mio piccolo chef a rientro da scuola mi ha sollazzato con le decine di scherzi di cui sono state vittime oggi le maestre di questa classe di dolcissimi quanto pestiferi novenni.

E tornavo con la mente a quando ero io da piccola ad organizzare scherzi per il Pesce d’Aprile,le risate,il divertirsi davvero con poco.
A Napoli il 1 Aprile si usa regalare alla propria dolce metà un pesce fatto di cioccolato,varie le dimensioni ed i costi,da far trovare nascosto in casa,a mo’di scherzetto.

Questa è una foto rappresentativa dei classici pesci di cioccolata,scattata in uno dei tanti mercati a Napoli e pubblicata da http://www.vesuviolive.it/ , questi pesci di cioccolato si possono trovare anche nei panifici,salumerie e bar.
E visto che la Pasqua è vicina vicina, vi lascio con la ricetta del Tortano,la ciambella rustica pasquale tipicamente napoletana che sulla mia tavola non puo’ mai mancare.
E visto che la mano e’ancora dolorante ,è il mio papà a prepararlo,scattare le foto con il cellulare e spedirmele,da Napoli a Palermo.
La risoluzione non è il massimo,ma l’amore vi posso assicurare di si.

Qui trovate la ricetta del mio Tortano, realizzato quest’anno in versione standard e finger.


Mirtill@

Bocconcini al latte,ricetta rapida e veloce per un successo assicurato

Un delle classiche preparazioni per buffet, sia per adulti che per bambini,sono i panini al latte,adattabili sia per farciture salate che dolci.
Spesso per mancanza di tempo,e sopratutto per scarsa manualità con questi lievitati,li ordinavi al panificio di turno.
Un paio di settimane fa una mia amica mi ha passato questa ricetta veloce e semplice,che oggi condivido con voi,e che mi hanno a dir poco conquistato!!!!

Bocconcini al latte,ricetta rapida e veloce per un successo assicurato



Ingredienti per 30 bocconcini circa:
300 ml di latte
500 g di farina 00
1 cubetto di lievito di birra
50 g di zucchero
50 g di burro
2 uova
un pizzico di sale-circa 15 g.


Procedimento:
-Mettete la farina a fontana su un piano da lavoro,al centro versate 1 uovo battuto,un pizzico di sale,lo zucchero,il burro ammorbidito ed il latte tiepido in cui avete sciolto il cubetto di lievito.
-Impastate e formate una palla che lascerete lievitare in una ciotola coperta con un canovaccio,per circa 1 ora.
-Decorso il tempo per la lievitazione,prendiamo l’impasto,dividiamolo in 30 panetti e lavoriamo con le mani per ottenere dei panini.
-Sistemateli su una teglia coperta con un foglio di carta forno,lasciamo riposare 30 minuti.
-Spennelliamo la superfice con il tuorlo dell’uovo battuto ed inforniamo a 180°per 15 minuti.

Se desiderate preparare dei panini salati potete spolverarli con parmigiano grattugiato,semini di sesamo-papavero o cumino.
Per una versione dolce nulla di meglio di una spolverata di zucchero semolato o in granella.

Una volta cotti diamo libero sfogo alla fantasia e golosità farcendoli a piacere.


Mirtill@

Dalle rotondità di Botero alle linee essenziali delle Alici marinate su crostone di pane caldo

Amo molto l’arte in generale,alla scultura preferisco la pittura,ed uno degli artisti che mi diverte e coinvolge è il contemporaneo Fernando Botero.
Attualmente presso il Palazzo dei Normanni a Palermo potete visitare la mostra “Via Crucis-La Pasion de Cristo” , unica tappa italiana di questa bellissima mostra, che potete godervi fino al 21 Giugno.

La mostra raccoglie ben 30 opere ad olio e 17 disegni,spazi essenziali,cornici minimal in pieno stile Botero.

Opere che associano la religiosità della Via Crucis ai peccati e vizi moderni.

Un continuo susseguirsi tra moderno ed antico, un salto di epoche e momenti storici coinvolgenti e per nulla stonati,la grandezza dell’artista.

Opere che hanno affascinato e catturato anche i miei bambini,e con piacere ho notato che l mostra era visitata da parecchi bambini.

Un modo diverso di dare il benvenuto alla pasqua qui in Sicilia, rompendo i canoni delle classiche raffigurazioni religiose.

E dopo tanta magnifica rotondità ho pensato di strapparvi un sorriso proponendovi uno street food veloce e gustoso,un last food direi,non so se questo termine esiste o meno.

Alici marinate su crostone di pane caldo

Un connubio che piace sempre,anche qui un alimento antico come le alici marinate,abbinate ad un moderno crostone di pane,aromatizzato con rosmarino e fritto in olio di semi.
Per preparare le alici marinate,ecco una ricetta veloce veloce.
Ingredienti:
500 g di alici
olio evo
peperoncino
aglio
prezzemolo
aceto di vino bianco

Procedimento
-Puliamo le alici eliminando la testa,spina e coda.
-Sistemiamole in una pirofila dai bordi alti,sovrapponendole leggermente e facendo attenzione a non rovinarle.
-Copriamole con un bicchiere (200 ml circa) di olio evo,un bicchiere (200 ml circa)di aceto,aglio tritato,prezzemolo e peperoncino.
-Lasciamo riposare almeno 1 ora,cosi le alici si cuoceranno nella loro stessa marinatura.

Saziando,e solleticando vista e palato,buon appetito,Mirtill@

Piccoli Panini ca’ulive

Puntuale come ogni mese arriva l’appuntamento con la rubrica “Cucina e Territorio di Casa Nostra”.
Il tema di questo mese sono i lievitati,e voglio proporvi un pane che si trova molto facilmente qui a Palermo,ottimo come spuntino o merenda per grandi e piccini,realizzato con olive nere o bianche…il Pane Ca’Ulive
La ricetta che vi propongo oggi è una variante al classico pane con le olive che si trova nei panifici,questi sono dei piccoli bocconcini meno conditi rispetto la ricetta originaria,per questo più amati dai bambini.

Piccoli Panini ca’ulive

Ingredienti per circa 20 panetti:
500 g di farina 00
180 g di olive nere denocciolate,potete anche optare per le olive verdi se le preferite
1 dl di latte 
olio evo
1 cubetto di lievito di birra
sale
acqua

Procedimento:
-In una ciotola lavoriamo la farina con l’acqua, il latte leggermente tiepido,un pizzico di sale ed uno di zucchero,2 cucchiai da cucina di olio.
-Aggiungiamo il lievito e lavoriamo il nostro impasto.
-Formiamo una palla e facciamola lievitare per 1 ora almeno
– Stendiamo col mattarello l’impasto,versiamo sulla superfice le olive tritate ,premendole col palmo della mano in modo che aderiscano alla pasta.
-Arrotoliamo l’impasto formando un salame,infariniamo appena e tagliamo il pane a pezzi di circa 5-8 cm
-Sistemiamoli su una teglia rivestita di carta da forno e lasciamo lievitare ancora per 30 minuti. 
-Inforniamo a 200°C per 30 minuti

A seguire tutte le ricette delle altre blogger che come me partecipano a questo appuntamento mensile e ci svelano di volta in volta le ritrovare ricette della tradizione.

Cucina della Lombardia: La Spongada dè Brè o Spongada Camuna
Cucina del Friuli Venezia Giulia: Pagnuts di fieste
Cucina del Piemonte:  –
Cucina della Toscana:  –
Cucina del Lazio: Pizzette con lo zucchero
Cucina della Campania:  la pizza marinara
Cucina della Basilicata: –
Cucina della Calabria: pitta maniata

Mirtill@

Alla scoperta delle erbe spontanee:Cardella ripassata con aglio,olio e peperoncino

Un po’ di tempo fa,un grande Chef e Maestro come Beppe Giuffrè,invitò noi foodblogger non solo a proporre e sperimentare piatti alternativi ed innovativi,ma a riportare sulle nostre tavole le erbe spontanee e commestibili,di cui la nostra terra è ricca,e che sempre meno vengono proposte e consumate.
Oggi parliamo proprio di una di queste piante, la Cardella,che nel territorio siciliano ho appreso essere molto presente.
Questa pianta è nota anche come Tarasacco o Dente di Leone, ha moltissime proprietà: contiene più ferro degli spinaci e più beta-carotene delle carote stesse,è ricca di potassio,fosforo e zinco,è molto diuretica- motivo per cui spesso viene chiamata”Piscialetto”.

E’ovviamente fondamentale raccogliere questa pianta quando non è ancora presente la fioritura,commestibile in tutte le sue parti!!!
Devo ammettere che si può proporre in molte ricette:in pastella o in frittata sono un vero classico.
Amando il sapore in “purezza”delle verdure,le preferisco semplicemente “ripassate”.

Cardella ripassata con aglio,olio e peperoncino

Ingredienti:
4 fasci circa di Cardella, circa 2 kg
Aglio
Olio Evo
Peperoncino
Sale e pepe q.b



Procedimento:
-Puliamo la Cardella,eliminando le foglie rovinate.
-Laviamo abbondantemente e puliamo con cura le foglie.
-Sbollentiamo la verdura per circa 10 minuti in acqua leggermente salata.
-Una volta cotta,lasciamo scolare bene la verdura,strizziamola con le mani per eliminare l’acqua in eccesso.
-In una padella rosoliamo uno spicchio di aglio tritato con 3 cucchiai di olio,uniamo un peperoncino tritato.
-Versiamo la cardella,regoliamo di sale e pepe e lasciamo insaporire per qualche minuto.
Se ne amate il sapore,potete unire anche un’acciuga a filetti.


Mirtill@

Funghi Pleurotus arrostiti

Senza categoria | 17 febbraio 2015 | By

Martedi grasso!!
Il web impazza di chiacchiere o bugie che dir si voglia,e succulente lasagne…
Invece vi propongo un piatto che può essere sia un contorno che un piatto unico,leggero e gustoso.
Funghi Pleurotus arrostiti

Per questa ricetta ho utilizzato i noti funghi Pleutores, da alcuni noti come orecchie di elefanti,da noi a Napoli chiamati “funghi ricchioni”.


Ingredienti:
Funghi Pleurotus
aglio
prezzemolo
olio evo
aceto di vino bianco
sale e pepe q.b

Procedimento:
-Nettiamo i funghi con un panno umido,facciamo attenzione a non bagnarli.
-Arrostiamo i funghi su una piastra calda,un paio di minuti per lato, condiamoli con sale e pepe.
-Prepariamo un condimento con aglio tritato finissimo,abbondante olio evo,succo di 1 limone e 1 cucchiaio di aceto di vino bianco.
-Una volta pronti i nostri funghi,sistemiamoli su un vassoio e condiamoli subito con il dressing realizzato

Buon appetito,Mirtill@


Credits:Vassoio Poloplast

CONSIGLIA smoothie alle ciliegie e latte di mandorle