Life: il Sake ,dall’Oriente sulle nostre tavole

Senza categoria | 28 giugno 2017 | By

Il Sake , non è un liquore ne un vino o birra, è semplicemente una bevanda ottenuta dalla fermentazione del riso.
Quando ceniamo al Jappo mio marito ordina sempre un Sake caldo, anche se potete trovarlo facilmente sugli scaffali dei cibi etnici di molti supermercati, quello servito nei ristoranti giapponesi è di gran lunga migliore.
Per realizzare il Sake si possono utilizzare differenti varietà di riso,la più utilizzata è la varietà sakamai.
Viene eliminata la parte esterna del chicco di riso, chiamata nuke; la fermentazione avviene grazie all’aggiunta di muffe koji‐kin e del lievito , kobo.
Il Sake si può servire sia caldo che freddo, la temperatura ideale secondo molto enologi si aggira sugli 8°, caldo sui 50° viene servita per accompagnare piatti freddi.
Se vi affascina la storia e la cultura del Sake sono presenti dei corsi di Sake Sommerlier, organizzati dalla Sake Sommerlier Association Italiana, che spaziano dalle origini del Sake, la sua storia nel corso dei secoli e la preparazione di cocktail a base di Sake.
Si può servire in piccole ciotoline di ceramica,terracotta o legno,dipende sempre dalla temperatura cui viene servito e come per il tè anche il Sake è un vero rito: nel terzo secolo veniva bevuto in occasione di lutti, solo secoli dopo nei tempi scintoisti w buddisti si svilupparono tecniche di fermentazione sempre più innovative.

Il Sakè viene servito in una piccola ampolla o fiaschetta chiamata tokkuri, solitamente in ceramica, il Sake viene dapprima riscaldato poi versato nella tokkuri, questa si tiene con entrambe le mani e si versa il Sake prima nei bicchieri di tutti gli ospiti.
Gli ospiti dovranno tenere la tazza da Sake sul palmo di una mano ed avvolgere la ciotola con l’altra mano, per il brindisi si utilizza la famosa frase “Kanpai”che equivale al nostro “Cin Cin”.
E’ proprio questo che mi affascina dell’Oriente, dietro ogni gesto ,anche il più semplice, c’e’ un’attenzione verso i particolari enorme, tradizione e costume accompagnano ogni singolo gesto quotidiano.

Kanpai, Patrizia Esposito

Comments

Be the first to comment.

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Torta di mais