Food: Crumble con albicocche e Prugne morbide

Uno dei dolci più buoni e semplici da realizzare è sicuramente il Crumble, un piatto di origini inglesi ed irlandesi, sia in versione dolce che salata.
Nelle nostre cucine sono sicuramente più conosciuti e realizzati Crumble dolci, usando perlopiù frutta cotta,farina,burro e zucchero.
Seguendo le stagioni ed i suoi frutti, ho provato un Crumble con Albicocche e Prugne morbide, quelle denocciolate che si trovano facilmente in tutti gli ipermercati e che spesso “avanzano” con la frutta secca natalizia.

Crumble con Albicocche e Prugne morbide

Ingredienti:
500 g di Albicocche
100 g di Prugne morbide
200 g di Farina 00
100 g di Burro
100 g di Zucchero di canna

Procedimento:
-Laviamo le albicocche, snoccioliamo e tagliamo a pezzetti, quindi versiamo le albicocche in una padella con 2 cucchiaini da tè di zucchero.
-Lasciamo caramellare e aiutandoci con una forchetta riduciamo in purea le albicocche.
-Tritiamo le prugne, se utilizzate quelle con nocciolo ricordate di eliminarlo.
-Uniamo le prugne alle albicocche.
-In una ciotola versiamo la farina, lo zucchero restante ed il burro, lavoriamo con la punta delle dita ottenendo un composto granuloso.
-Versiamo le albicocche e prugne in uno stampo o più stampini se amate le monoporzioni.
-Ricopriamo con il crumble ovvero le briciole di pasta, coprite bene tutta la superfice.
-Inforniamo a 180° in forno preriscaldato per circa 20 minuti.

Potete accompagnare questo crumble con del buon gelato alla vaniglia o qualche goloso ciuffo di panna.
Questa ricetta non solo ha un apporto di calorie contenuto, grazie alle prugne ed ai loro risaputi benefici per il colon è perfetto per una sana colazione ed iniziare al meglio la giornata.
Per la ricetta ho utilizzato le Prugne morbide denocciolate prodotte e distribuite da Monte Rè, il marchio della cooperativa Modenese Essiccazione Frutta, specializzata nella lavorazione delle susine.
Monte Rè segue il prodotto dalla nascita, potatura ,lavorazione fino alla grande distribuzione.
Sapevate per esempio che per un ottenere 1 kg di prugne ben mature occorrono ben 200 litri di acqua?
Conoscere la provenienza dei prodotti utilizzati da il giusto peso e lavoro a quello che prepariamo in cucina.

Buona merenda,Patrizia Esposito

Comments

Be the first to comment.

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Torta di mais